HomeNewsQuattro domande a...

Quattro domande a...

Dottor Perini, che modalità didattiche preferisce utilizzare in aula?


"Il mio approccio è sempre quello di partire dall’illustrazione di un argomento, vederne i vari aspetti sia normativi che gestionali, esaminare alcuni casi realmente accaduti concernenti l’argomento che si sta trattando e poi fare alcune esercitazioni pratiche sul tema. In questo modo si riesce a tenere vivo l’interesse dei discenti e nel contempo a verificare quanto l’argomento è stato interiorizzato"


Come struttura le sue docenze?


Parto sempre dall’idea che i discenti di un master (professional o no) chiedono ai docenti provenienti da esperienze manageriali non tanto la conoscenza astratta dei temi, ma in concreto come si affrontano sulla scorta ovviamente di una competenza , le varie situazioni gestionali.

Ho cercato di applicare questo metodo anche a temi nuovissimi, quali la normativa Fornero sui licenziamenti: ho esaminato dei casi gestiti in passato, i vincoli portati dalla vecchia normativa, la gestione avvenuta allora e poi ipotizzato coi discenti , alla luce della nuova normativa, quali spazi diversi di gestione si sarebbero potuti aprire.


Un ricordo legato ad una lezione particolare...?


Ho un piacevole ricordo della prima lezione tenuta per Stogea ad un professional master a Roma lo scorso novembre avente per oggetto un tema vastissimo quale la pianificazione delle risorse umane. Sono riuscito partendo dalla gestione di tre casi , uno attinente una azienda in difficoltà, uno attinente un progetto di rilevante crescita con entrata in un nuovo mercato con un nuovo prodotto, ed uno attinente la nascita di una nuova impresa a esaminare in modo concreto i diversi aspetti della pianificazione delle risorse umane.


Come vede il futuro delle Risorse Umane?


Credo che tutte le novità che stanno emergendo in materia di disciplina delle diverse problematiche del lavoro, i nuovi strumenti quali l’outplacement che avranno sempre più spazio, rendano opportuno ora più che mai l’approfondimento delle varie tematiche legate alle risorse umane. Sicuramente avremo da un lato opportunità occupazionali: in un momento di grandi mutamenti le opportunità saranno maggiori per chi avrà le competenze e la capacità di rivedere quelle che fino ad ora erano certezze.


Un ringraziamento al Dott. Perini, che sarà impegnato anche nei Master di area Risorse Umane in partenza ad Ottobre 2012.